Benessere e Salute

Ospedale di Desio, chirurgia oculistica 3D

Studio Associato MSC - Treviso

Desio, ospedale chirurgia oculistica

Ospedale di Desio, equipe di oculistica

La Brianza delle eccellenze, anche sanitarie. All’ospedale di Desio sì è aperta nei giorni scorsi una nuova era nella chirurgia oculistica. La sala operatoria del nosocomio brianzolo apre infatti al digitale, introducendo il sistema 3D, fra i primissimi in Italia. Si tratta di una nuova apparecchiatura tridimensionale che offre al chirurgo oculista la possibilità di esplorare innovative strategie per la chirurgia vitreo-retinica.

La nuova strumentazione è stata utilizzata per la prima volta dal dottor Michele Coppola, Direttore dell’unità operativa complessa di Oculistica, alla presenza del Direttore Generale della ASST di Monza, Matteo Stocco.

Desio, ospedale chirurgia oculistica 3D 1

Nel reparto oculistico dell’Ospedale di Desio da alcuni giorni si opera con la tecnologia 3D

“Il 3D System – spiega Coppola – è un sistema di acquisizione delle immagini in 3D che viene applicato al microscopio operatorio. Nel nostro caso il microscopio è già dotato di un sistema di visione ‘campo grande’ e l’operatore, munito di occhiali polarizzanti, agisce osservando un monitor Full HD 4K di 55 pollici”.

I vantaggi sono molteplici: la possibilità di adottare le regolazioni proprie dei sistemi digitali, quali il potenziamento della luce, del contrasto, l’uso di filtri colorati per evidenziare alterazioni vitreo-retiniche (ad esempio alterazioni vascolari, sanguinamenti, membrane fibrovascolari) o filtri ad azione protettiva dell’area maculare (risparmio della fototossicità). Questo comporta anche il non utilizzo di coloranti vitali sulla retina.

La strumentazione permette, oltre a quelli ottici, elevati ingrandimenti per via digitale, che consentono di conseguenza una migliore visione dell’area da operare.

Un altro vantaggio non trascurabile è che gli assistenti, gli studenti o quanti presenti in sala operatoria possono seguire l’azione chirurgica esattamente come il primo operatore. Ne consegue che, grazie al nuovo sistema 3D si innalza il livello di tutoring chirurgico. Ed è quello che è avvenuto mercoledì in sala operatoria quando tutto lo staff, insieme al dottor Stocco ha potuto prendere visione di ogni singolo passaggio dell’intervento eseguito su un paziente di circa 70 anni, sottoposto ad una ricostruzione del bulbo in seguito ad un trauma, che ha provocato la lussazione in camera vitrea del cristallino. L’intervento è consistito quindi in una vitrectomia, asportazione del cristallino lussato in camera vitrea e in un impianto secondario a fissazione sclerale del cristallino artificiale.

Desio, ospedale chirurgia oculistica 3D 2Il sistema, ovviamente applicabile a tutta la chirurgia oculare, con esiti anatomo-funzionali superiori, diventa così un sistema propedeutico alla robotizzazione: la microchirurgia oculare è la sola infatti senza sistema di ‘assistenza’ al chirurgo. Anche per il chirurgo stesso il nuovo sistema 3D porta notevoli vantaggi: l’operatore non ha una posizione obbligata sugli oculari del microscopio con minor incidenza di danno cervicale.

“La tecnologia legata alla passione dei professionisti dell’ospedale di Desio – dichiara il Direttore generale Matteo Stocco – fa sì che ogni giorno i nostri pazienti ricevano le cure migliori. La ASST di Monza non solo si mette in luce per le sue eccellenze ma per la continua ricerca di tecniche e strumentazioni innovative per essere sempre più all’avanguardia”.

Print Friendly, PDF & Email