News

Monza dice no all’accattonaggio

Brianza Acque

AccattonaggioUn interessante incontro pubblico, per discutere su come affrontare e contrastare l’accattonaggio forzato, è in programma venerdì 23 ottobre, con inizio alle ore 17.30, presso l’Urban Center di Monza. Al primo piano, sala E, del palazzo di via Turati sarà di scena la linea sottile che corre tra disagio e degrado, con gli approcci tradizionali ed innovativi richiesti per dare risposte efficaci e rispettose della dignità umana.

Per evidenziare maggiormente questi aspetti, sarà proiettato  anche un significativo documentario video della durata di una trentina di minuti, finalista al ‘Premio Roberto Morrione’, giornalista della Rai, scomparso nel 2011. La pellicola metterà in luce drammatiche storie di bambini e disabili, costretti dal racket ad elemosinare nei centri urbani. Alla serata saranno presenti il Sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali, Cherubina Bertola, l’assessore alla Sicurezza, Paolo Confalonieri, il segretario generale di Fondazione Comunità Monza e Brianza, Marta Petenzi e Tiziana Bianchini, membro del consiglio CNCA, Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza.

Il video inchiesta, dal titolo ‘Non chiamateli mostri, storie di ordinaria schiavitù’, è stato realizzato sotto il tutoraggio del responsabile della redazione esteri del Tg3 Flavio Fusi, da Antonella Graziani, Valentina Valente, Michele Vollaro ed è stato finalista, con grandi consensi della critica, al ‘Premio Morrione’ edizione 2013.

Nel corso dell’incontro Paolo Cassani, membro della Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione, presenterà il progetto ‘No all’accattonaggio forzato’.

Ricordiamo che a Monza vige un’ordinanza contro l’accattonaggio del Sindaco Scanagatti: prorogata dal primo cittadino brianzolo nei primi mesi del 2015, che prevede la denuncia all’Autorità giudiziaria per coloro che chiedono l’elemosina nei pressi di stazioni, parcheggi, supermercati ed aree verdi della città, sotto effetto di alcol e droghe.

La norma, applicabile in particolari situazioni critiche, è, quanto meno, un deterrente per scoraggiare comportamenti ritenuti raccapriccianti dai cittadini. Al fianco di questo strumento, è sempre presente, su richiesta dell’interessato, un percorso guidato per uscire dal disagio in cui ci si è venuti a trovare.

A Monza, dall’estate del 2014 ai primi mesi dell’anno in corso, sono state oltre duecento le persone denunciate dagli agenti della Polizia locale per accattonaggio.  

E.M.

Print Friendly, PDF & Email