News

Merone, un frammento lunare arriva all’Oasi di Baggero

Studio Associato MSC - Treviso

Oasi di Baggero Ti porto la Luna 2016All’Oasi di Baggero a Merone domenica 8 maggio arriva un frammento di Luna. Non vi spaventate, non c’è da preoccuparsi: il pezzo di roccia lunare non cade direttamente dallo spazio sull’Oasi, bensì sarà semplicemente in esposizione. Il tutto dopo il grande successo del tour di conferenze lunari «Ti porto la Luna 2015», realizzato da Luigi Pizzimenti, curatore del Museo del Volo a Volandia (Va), e Paolo Attivissimo giornalista e divulgatore, che hanno girato l’Italia con un campione della missione Apollo 17.

Ad organizzare il singolare evento il Parco Valle Lambro e le Amministrazioni comunali di Lambrugo, come ideatore, Merone, Lurago D’Erba e Monguzzo ed il coinvolgimento del Consorzio Comunità Brianza, gestore dell’Ostello di Baggero.

Indubbiamente si tratta di un occasione unica per vedere da vicino e fotografare un frammento di Luna, senza andare fino ad Houston, negli Stati Uniti, dove sono conservati i campioni di suolo lunare riportati sulla Terra dalle missioni Apollo fra il 1969 e il 1972. La roccia è stata concessa in prestito dalla Nasa a Luigi Pizzimenti, storico del Programma Apollo, accreditato presso il Lunar Sample Laboratory Facility nel quale sono custodite le rocce lunari Apollo. Il campione esposto ha una storia eccezionale ed è stato scelto e raccolto sulla Luna nel febbraio 1971 da Alan Shepard e Edgar Mitchell, durante la missione Apollo 14.

Questa roccia ha un valore inestimabile, perché oggi non c’è nessuno in grado di andare a prenderne delle altre: il costo delle missioni Apollo fu di circa 170 miliardi di dollari di oggi e portarono sulla Terra 382 chilogrammi di campioni lunari. La roccia lunare è in una teca trasparente, alla quale i partecipanti potranno avvicinarsi per esaminarla e per fare foto ricordo insieme alla roccia stessa. La roccia è inglobata in una piramide di Lucite (polimetilmetacrilato, materiale plastico estremamente trasparente), per cui non può essere toccata, ma può essere osservata da pochi centimetri di distanza.

Insieme all’arrivo del frammento di Luna sono in programma una serie di appuntamenti, una conferenza scientifica e eventi divulgativi dedicati al tema dell’esplorazione e dell’avventura.

Domenica 8 maggio alle 11, è previsto l’inizio dell’esposizione. Alle 16,30 la conferenza divulgativa a cura di Luigi Pizzimenti, nato a Pavia nel 1963, vive ora a Milano, è Direttore della sezione Astronautica dell’Osservatorio Astronomico di Tradate in provincia di Varese e Curatore del Padiglione Spaziale del Museo Volandia (Malpensa). Noto al pubblico degli appassionati per la sua opera di divulgazione astronautica con conferenze e mostre astronautiche in tutto il territorio italiano, le pubblicazioni e collaborazioni con Rai e altri media. Ha dedicato buona parte della sua vita alla raccolta delle testimonianze e dei dati riguardanti l’era spaziale. Accreditato presso l’Esa e Nasa. Collaboratore dell’Apollo Lunar Surface Journal della Nasa e Direttore del sito www.collectionspace.it. Dal oltre 15 anni cura mostre astronautiche in Italia e all’estero. Ha scritto diversi saggi per la collana Nova Sf, Perseo libri. Nel dicembre del 2009 ha pubblicato il libro «Progetto Apollo. Il sogno più grande dell’uomo». Tutta la storia delle missioni Apollo con interviste ai protagonisti. Nel 2010 è stato giudicato uno dei migliori 5 libri di Scienza-Fantascienza. Nel 2012 è uscita la nuova edizione. L’esposizione si concluderà alle 19,30.

«Abbiamo pensato di festeggiare il primo anno di attività dell’Ostello dell’Oasi di Baggero con un evento speciale. Una giornata che entrerà nella storia dell’Oasi ma anche dei comuni che insieme al Parco della Valle del Lambro ci hanno permesso di organizzarla – ha spiegato l’Avv. Eleonora Frigerio, Presidente del Parco Valle Lambro Proprio per questo motivo vorrei ringraziare il vice sindaco di Lambrugo, Elisa Marini, ideatrice di questa giornata, ma anche le Amministrazioni Comunali di Merone, Lurago D’Erba e Monguzzo e coinvolgimento del Consorzio Comunità Brianza, gestore dell’Ostello di Baggero».

«A mia volta mi unisco ai ringraziamenti della Presidente Frigerio – ha sottolineato Elisa Marini, vice sindaco del Comune di Lambrugo – Quando un amico mi ha parlato di questo tour lunare dubitavo della possibilità di riuscire ad ospitarne una tappa, ma questo evento è la dimostrazione che la cooperazione tra Enti supera i limiti del singolo. Sono certa che la curiosità di vedere da vicino un frammento di Luna ci permetterà di riempire la sala dell’ostello; io stessa non vedo l’ora!».

Print Friendly, PDF & Email