News

Lotta ai tumori: in 12mila marciano all’Autodromo

Studio Associato MSC - Treviso

Si ripete anno dopo anno il successo la marcia non competitiva “Formula 1” della LILT ospitata quest’anno nel weekend EMERlab dedicato alla sicurezza.

Marcia F1 201512mila persone hanno marciato sul percorso stradale dell’Autodromo Nazionale Monza per sostenere la lotta contro i tumori. Domenica 7 giugno nel circuito brianzolo si è svolta la manifestazione podistica Formula 1 organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, sezione provinciale di Milano. La corsa non competitiva, arrivata alla 36esima edizione, si è sviluppata su cinque percorsi differenti adatti ad ogni tipo di pubblico. I podisti hanno potuto scegliere tra un tracciato minimo di 2,4 chilometri fino ad un percorso più impegnativo di 14 chilometri.

La partecipazione è stata oltre ogni aspettativa, grazie anche alle attività organizzate dal sodalizio al traguardo. I podisti sono infatti stati incitati da Fabio Marelli, speaker di Discoradio, e dalla musica dell’emittente lombarda. I bambini invece hanno potuto divertirsi con trucchi, palloncini, macchinine a pedali e un’area interamente dedicata a loro.

La marcia Formula 1 è una tradizione fin dal 1980 quando un gruppo di amici appartenenti alla società alpinistica “Fior di Montagna” di Monza decise di organizzare la prima edizione con lo scopo di sostenere concretamente l’attività della LILT. Fin dal primo anno, l’Autodromo Nazionale Monza ha messo a disposizione le sue strutture per ospitare l’evento, in una suggestiva cornice che ancora oggi rende l’iniziativa unica nel suo genere.

Terminati i percorsi, i partecipanti hanno potuto visitare il paddock allestito per la manifestazione n, dedicata alla prevenzione e alla sicurezza. Aziende e associazioni di Protezione Civile hanno esposto gli strumenti necessari alla gestione delle emergenze, organizzando anche dimostrazioni pratiche. Ieri si è svolta una simulazione di emergenza a cui hanno partecipato diversi sodalizi, pronti a testare la velocità di intervento e il corretto svolgimento delle pratiche di sicurezza. I più piccoli hanno invece potuto percorrere un tracciato costruito ad hoc che insegnasse loro l’importanza di riconoscere i pericoli. E’ stato molto partecipato anche il tavolo tecnico “Food & Crisis” per approfondire il rapporto tra i cambiamenti climatici e le crisi umanitarie ed ambientali riservato agli esperti del settore.

Bilancio dunque positivo per la kermesse che anticipa il quarantesimo Monza Sport Festival, previsto per il prossimo weekend, insieme ai concerti del Brianza Rock Festival che vedranno protagonisti sul palco, tra gli altri, Bluvertigo, Subsonica e Afterhours. Appuntamento dunque alla prossima settimana sempre all’Autodromo Nazionale Monza.

Print Friendly, PDF & Email