Eventi News

Lo streetfood sbarca a Burago Molgora

Studio Associato MSC - Treviso

Il cibo in strada dal 5 al 7 giugno nella piazza del paese.

Lampredotto Burago

Panino d’autore: il Lampredotto toscano

Il cibo di strada sta conquistando sempre più le serate degli italiani. Dopo il successo riscosso nella edizione dello scorso anno, in questo fine settimana arriva a Burago Molgora l’XI tappa dello Streetfood Tour, la carovana del cibo di strada che l’associazione nazionale Streetfood sta portando avanti per il quinto anno consecutivo.

Dal 5 al 7 giugno, nella centralissima piazza Matteotti, le abili mani e l’inventiva di esperti cuochi, maestri dei dolci, invitano la Brianza a gustare pane e panelle siciliane oltre alle classiche cassatine o i cannoli. Dalla Romagna arrivano le gustose piadine, e come non provare il fritto laziale nel cono. Dalle Marche le olive ascolane, dalla Toscana con i bomboloni, lampredotto, zuppa del trippaio e ribollita. Dalla Puglia i panzerotti con puccia di polipo, dall’Abruzzo gli arrosticini di pecora, dal Veneto i pastin di Belluno, dalla Campania la pasticceria e la cucina napoletana. Il tutto per far scoprire al pubblico la cucina regionale, il vero cibo di strada italiano.

«Ricordiamo che la nostra associazione, la prima e unica in Italia, certifica gli operatori di strada che prendono parte alle manifestazioni targate Streetfood – spiega il presidente e fondatore, Massimiliano Ricciarini – e in particolare la qualità e la tradizione dei prodotti sono il valore aggiunto che il consumatore potrà incontrare nei nostri eventi».

Ma non solo cucina  Italiana. In un mondo dove sembra non esistano più frontiere, si potranno gustare piatti della tradizione di mezzo mondo. Ricordiamo che questa tappa brianzola di Streetfood segue quelle degli ultimi weekend e che hanno visto queste cucine all’opera in Toscana, in Piemonte, nell’Umbria, e nella Marche. Non solo un appuntamento per soddisfare la gola, per scoprire la buona cucina: fanno da cornice a questa tre giorni di Burago attività culturali, convegni, promozione turistica e intrattenimento con show cooking, street bands, dj-set e concerti di musica “live”.

Pierfranco Redaelli

Print Friendly, PDF & Email