Arte e Cultura Eventi Musei

L’Arengario di Monza scende in campo con tre progetti culturali di qualità

Studio Associato MSC - Treviso

L’Arengario di Monza fa il pieno di mostre, a partire da settembre: Campioni nel cuore con le fotografie di Ercole Colombo, il mondo dei mattoncini lego e le immagini di Steve McCurry.

Saranno mesi di grandi appuntamenti per gli appassionati d’arte e non solo, quelli che, a partire da settembre, arricchiranno l’offerta culturale dell’Arengario di Monza.

Ercole Colombo, fotografo della Formula 1

Si parte il 5 settembre con la mostra CAMPIONI NEL CUORE.
Ercole Colombo, il fotografo della Formula 1 che presenta 60 immagini in un racconto che tocca tutta la sua lunga carriera. Un rapporto con la sua città e con l’autodromo iniziato giovanissimo grazie al padre che lo portò, all’età di sei anni, a vedere le prime gare quando i campioni erano Giuseppe Farina, Alberto Ascari e Juan Manuel Fangio.

Unire la passione per le corse alla fotografia è stato naturale, come conferma lo stesso Colombo: «Ho conosciuto tanti piloti e molti sono diventati miei amici. I piloti degli anni Sessanta erano delle vere leggende per me». Tra i suoi legami speciali quello con la Ferrari, collegato a due momenti importanti della sua carriera: la vittoria nel 1979 del Premio Dino Ferrari, l’Oscar per i fotografi di Formula 1; e una delle immagini a cui è più legato, quella dove Enzo Ferrari bacia sulla testa Gilles Villeneuve in maniera affettuosa e paternale, a testimonianza di quanto il Drake tenesse a lui.

L’Arengario di Monza scende in campo con tre progetti culturali di qualità

La mostra, curata da Giorgio Terruzzi ed Ercole Colombo, organizzata e prodotta da ViDi insieme con il Comune di Monza, raccoglie le immagini dei protagonisti della Formula 1 realizzate dal fotografo monzese in oltre 700 Gran Premi.

La mostra dei mattoncini LEGO®

Dal 5 ottobre al 6 gennaio 2020, tornano dopo il grande successo ottenuto con la mostra Star Wars alla Villa Mirabello del Parco di Monza, i mattoncini LEGO® con il progetto City Booming.

Ideata da LAB Literally Addicted to Bricks, che l’ha prodotta con Vidi, organizzata da Giuliamaria e Gianmatteo Dotto Pagnossin, “City Booming Monza”, nasce dalla fantasia di Wilmer Archiutti, fondatore di LAB, laboratorio creativo di Roncade, in provincia di Treviso, che realizza forme e architetture di LEGO®.

L’Arengario di Monza scende in campo con tre progetti culturali di qualità

La mostra condurrà i visitatori nella più grande città al mondo costruita con oltre 7 milioni di mattoncini e 6000 mini figure, un enorme diorama di 60 metri quadri, dove non mancheranno il centro commerciale, la pasticceria, il negozio di giocattoli e quello di animali, il cinema, le pinacoteche, e ancora, il quartiere residenziale con il barbiere e l’ufficio dell’investigatore privato intento a consultare le mappe con la lente d’ingrandimento.

Il maestro della fotografia, Steve McCurry

Per finire, dal 18 gennaio al 13 aprile 2020, l’appuntamento è con un altro grande maestro della fotografia: Steve McCurry.

Organizzata e prodotta da ViDi, con Civita e SudEst57, Steve McCurry.
“Leggere”, questo il titolo della mostra, è un tributo ai lettori che il fotografo statunitense ha ritratto in quarant’anni di carriera. Curata da Biba Giacchetti, presenta 70 fotografie che ritraggono persone di tutto il mondo, assorte nell’atto intimo e universale della lettura, insieme alle foto che McCurry ha voluto per le copertine dei suoi libri.
La rassegna comprende inoltre un video sull’attività di McCurry e una selezione di citazioni letterarie sul tema della lettura, scelte da Roberto Cotroneo.

L’Arengario di Monza scende in campo con tre progetti culturali di qualità

«Due maestri della fotografia e i più famosi mattoncini del mondo: la stagione in Arengario propone tre grandi appuntamenti – hanno spiegato il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore alla Cultura Massimiliano Longo – Ercole Colombo, icona dei fotoreporter della Formula 1; Steve McCurry, uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea e punto di riferimento per un larghissimo pubblico soprattutto di giovani; e un’esposizione spettacolare in cui saranno utilizzati più di 7 milioni di mattoncini Lego per costruire una città. Sono tre progetti di qualità che puntano su cultura e turismo, un binomio in grado di generare nuova economia e sviluppo sociale».

L’Arengario di Monza scende in campo con tre progetti culturali di qualità

Print Friendly, PDF & Email