Il Resto del Carletto News

LA FRETTE CHIUDE I BATTENTI IN BRIANZA

Brianza Acque

Non ci piacciono le brutte notizie

di Carlo Gaeta

Le brutte notizie non ci garbano, anche perché ben poco si abbinano allo spirito di questo nostro portale che vuole raccontare solo le cose “belle” e “buone” del Made in Brianza. Quando però si tratta della fine, peraltro annunciata, di un marchio che ha fatto la storia, portando la qualità brianzola nel mondo, uno strappo alla regola della testata ci può stare, se non altro per ricordare a chi se l’è dimenticato quanto la grande Brianza è stata capace di produrre nel corso della sua lunga epopea industriale. Una storia che fortunatamente è ancora ben viva dalle nostre parti, anche se purtroppo qualcuno da qualche tempo sta pensando di azzerarla definitivamente per affiliarla a Milano, chiudendo la storica Associazione degli Industriali di Monza e Brianza (oggi Confindustria MB), vecchia di 113 anni, per trasferire tutto il pregiato “pacchetto” brianzolo a quella che un tempo era identificata come la rivale Assolombarda (Confindustria Milano) che non aspetta altro, per farsi forte di quel comparto manifatturiero che ad essa è via via venuto meno.

A noi che ci battiamo per tenere alto il brand “Made in Brianza” questa discutibile eventualità (ad onor del vero, sempre più prossima se qualcuno non si da una bella sveglia) non piace per niente e ci auguriamo che quegli industriali ancora legati al territorio facciano sentire quanto prima la loro voce, senza trincerarsi in un silenzio che non promette nulla di buono, lasciando spazio alle presunte convenienze e agli opportunismi di chi di fatto finirà per “regalare” a Milano la bella storia industriale di Monza e Brianza.

Qui c’è in gioco la credibilità di un intero territorio che sta perdendo alcune delle sue grandi eccellenze. Chiusa di fatto la Provincia MB, che, al di la di ogni possibile critica, aveva in questi anni ribadito la necessità di un’area-sistema economico a essere rappresentata nelle sedi istituzionali, rischiamo di venire definitivamente fagocitati nella grande area metropolitana perdendo la nostra bella identità e quindi la nostra riconoscibilità. Se da un lato la Camera di Commercio MB ancora oggi si batte per affermare il marchio “Made in Brianza”, dall’altro uno dei suoi principali soci (Confindustria MB) sta scivolando nelle mani meneghine. Ci è stato detto che la questione è di tipo esclusivamente privato e pertanto non è il caso di impicciarsi di questioni che competono alle decisioni degli organismi interni di un’associazione di categoria che ha come scopo primario quello di tutelare i soci imprenditori chiamati liberamente a pronunciarsi sull’accorpamento ad Assolombarda. In parte è vero, ma noi vogliamo richiamare invece il ruolo sociale che riveste l’industria in un territorio e proprio in funzione di ciò ci piacerebbe tanto che questo ruolo venisse ancora rimarcato, non taciuto e svilito da un’affiliazione che rischia soltanto di svuotare di contenuti quel forte sodalizio che per oltre 100 anni ha rappresentato il vero Made in Brianza, fatto di idee, progettualità, design, personaggi con grandi capacità manageriali, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

La notizia della definitiva chiusura della Frette è di quelle che lasciano l’amaro in bocca proprio perché viene meno un altro dei simboli della meravigliosa produzione briantea. Se presto anche Confidustria MB dovesse cessare di esistere, lasciando soltanto un presidio a Monza, sarebbe un altro durissimo colpo per l’immagine complessiva del nostro territorio. Inutile però alzare tanto il tono, laddove giustamente un mio grande professore amava dire:”Ognuno, alla fine, è responsabile dei propri mali!”. Se sarà questa la scelta consapevole dei nostri industriali, non lamentiamoci poi tra qualche anno se la Brianza come tale non esisterà più sui tavoli che muovono le economie. 

Per quanto ci riguarda, Brianza è ancora Bello!  La Milano che da anni non è più da bere, o meglio che si son già bevuti, l’attendiamo serafici sulle sponde del Lambro, ad Expo concluso. Ne riparleremo il 2 di novembre…

 

frette5

DAGLI ARREDAMENTI DEL TITANIC ALLA MOBILITA’ PER GLI ULTIMI SUOI DIPENDENTI: COSI’ FINISCE LA STORIA DI UN GRANDE MARCHIO BRIANZOLO 

La notizia era nell’aria, ma ora, leggendo anche l’annuncio sulle vetrine dell’ampio negozio chiuso in via Italia, a due passi da Largo Mazzini, a Monza, si ha la certezza: la storia della Frette in Brianza finisce qui, dopo 155 anni esatti di gloriosa attività. Hanno definitivamente chiuso i battenti lo storico punto vendita, a fianco del palazzo Visconti ceduto alcuni decenni fa alla Rinascente e l’outlet di Concorezzo, paese che aveva visto la nascita della prestigiosa Casa di tessuti e che aveva ospitato sino a poco tempo fa ancora parte della tessitura, poi trasferita all’estero.

Dieci persone hanno così perso il posto di lavoro, cinque nel capoluogo brianzolo ed altrettante nella cittadina vicina. Sette lavoratrici sono state collocate in mobilità, due in cassa integrazione sino a giugno prima di seguire la strada delle colleghe ed una ha dato le dimissioni.

Brutto e spiacevolissimo epilogo, quindi, per la Frette, una delle più note ed apprezzate aziende in Brianza, dopo aver fornito dal 1860 tessuti, biancheria per il letto, il bagno e la tavola, dagli asciugamani alle lenzuola,  a Casa Savoia, al Vaticano, ai più esclusivi hotel del mondo, al G8 dell’Aquila e persino al Titanic, il più lussuoso transatlantico dell’epoca.

frette7Tra i clienti di spicco figurano, tra gli altri: Alex Hotel, The Pierre Hotel e Carlyle Hotel a New York,  Walt Disney Cruise Lines, Mandarin Oriental a Boston, Peninsula Bh California e Swissotel Chicago  e Kimpton Hotel Group Tai Boston per quanto riguarda Gli Stati Uniti d’America, Grand  Hyatt Tokyo, New Otani Tokyo, Peninsula Tokyo e Swissotel Osaka  in Giappone, Hilton Tel Aviv in Israele, Royal Garden Hotel a Hong Kong, Ascot Raffle Pace a Singapore, Swissotel Sidney in Australia, One & Only Resort & Spa alle Maldive, Sheraton Buenos Aires in Argentina, Swissotel London e The Glasshouse Edinburgh in Inghilterra, La Reserve Paris  e Chateau de la Messardiere St. Tropez in Francia, Hotel East West Geneva e Swissotel Zurich in Svizzera, Swissotel Berlin in Germania , Swissotel Moscow e Park Hyatt Moscow in Russia e The Torch Doha in Qatar.

Per l’Italia ricordiamo: Roccoforte Hotel Sciacca, Palazzo Sasso Ravello Capri, Hotel Intercontinental Rome, Ministero Affari Esteri and Italian Embassies  ed Alitalia.

fretteI prodotti della Frette si contraddistinguevano per la rinomata qualità della tradizione tessile italiana. Gli elevati standard produttivi, i disegni esclusivi e personalizzati, la capacità di fornire qualsiasi soluzione ai problemi d’arredamento facevano  della Casa italiana il punto di riferimento indiscutibile per i migliori alberghi, linee aeree, navi da crociera e compagnie ferroviarie. Per non parlare delle prestigiose residenze ed istituzioni pubbliche e private ‘vestite’ in Italia e nel mondo.

La collezione Frette per yacht ed aerei privati offriva, in particolare, un’ampia possibilità di personalizzazione. Tessuti, colori e misure erano espressamente pensati ad hoc per le esigenze del singolo cliente. L’offerta includeva completi letto, parure copripiumino, cuscini e federe, teli bagno, asciugamani, tappeti bagno e teli mare, e tutto ciò che poteva servire per corredare sia arredamenti interni che esterni. Inoltre, tutti i prodotti, dalla biancheria da letto o da bagno agli accessori, potevano essere personalizzati con emblemi, loghi o monogrammi.

frette2Ma anche i semplici cittadini brianzoli, quelli più giovani che tutte le mattine si recano al lavoro o quelli più anziani che accompagnano i figli a scuola, hanno, almeno una volta nella loro vita, indossato, con soddisfazione, un pigiama o una vestaglia, un accappatoio o delle semplici pantofole, usciti dalla fabbrica di Concorezzo.

La Frette a luglio è stata acquistata dal fondo di investimenti inglese Change Capital Partners, che ne controlla la maggioranza sul precedente proprietario, il fondo statunitense JH Partners, rimasto con una quota di minoranza. La nuova proprietà, nota in Italia per aver acquisito e rilanciato la catena dei ristoranti pizzeria ‘Rossopomodoro’, continuerà a puntare sul lusso e su prodotti di alta gamma, per aumentare la penetrazione, soprattutto nei mercati asiatici, con particolare attenzione alla Cina, a Singapore, a Hong Kong ed al Giappone. Un occhio particolare sarà posto anche sull’Europa, con Inghilterra, Francia e  Germania nel mirino e sul Sud America, con focus accentrato sul Brasile.

Ricordiamo che la Frette,  ‘Fabbriche Telerie E. Frette & C’ per dirla con la vecchia scritta storica ancora evidente sopra il negozio di via Italia a Monza, che salverà solo tre punti vendita nel nostro Paese, ma purtroppo lontano dalla Brianza, ha fatturato nel 2013 90 milioni di euro, con perdite per 1,5 nel 2012, 4,5 nel 2013 e 5,7 nel primo semestre del 2014. Un declino economico che ha segnato la fine in Brianza.

Enzo Mauri

Print Friendly, PDF & Email