Motori

La Coupé Alfa Romeo 6C Villa d’Este al MAUTO

Studio Associato MSC - Treviso

Villa d'Este Coupè Alfa Romeo 6C 2500Sarà esposta fino al 20 novembre, al Museo dell’Automobile di Torino, nell’ambito della mostra ‘Touring Superleggera – 90 anni di eleganza che anticipa il futuro’, la prestigiosa e rarissima Coupé Alfa Romeo 6C 2500 SS ‘Villa d’Este’, di proprietà dell’omonimo Grand Hotel di Cernobbio (Co).

La retrospettiva del MAUTO celebra un importante anniversario per l’atelier fondato a Milano nel 1926 da Felice Bianchi Anderloni e Gaetano Ponzoni, affermatosi, poi, rapidamente tra le massime espressioni del design e della carrozzeria italiana.

Una storia di eleganza, purezza delle linee e delle proporzioni, ma anche di piccole rivoluzioni, che viene perfettamente rappresentata dagli undici ricercati modelli di automobili presenti nell’allestimento torinese.

Tra questi, si trova, appunto, uno dei pochi magnifici esemplari di Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé ‘Villa d’Este’, realizzati dalla Touring tra il 1949, anno in cui la prima vettura della serie fu presentata al noto Concorso d’Eleganza di Cernobbio, aggiudicandosi l’ambita ‘Coppa d’Oro’, per referendum pubblico, ed il 1952.

La Coupè in mostra, acquistata nel 2011 dal Grand Hotel Villa d’Este, è fulcro da ormai 5 anni dell’evento ‘Villa d’Este Style’, la prima ed unica reunion ufficiale di questo capolavoro su quattro ruote, che ogni primavera riporta, in riva al lago comasco, proprietari provenienti da ogni parte del mondo nel luogo dove tutto ebbe origine. Un’iniziativa unica nel suo genere, che unisce le eccellenze del Belpaese dall’automotive all’hotellerie, dal design al lifestyle.

La 6C 2500 SS ‘Villa d’Este’ fu uno degli ultimi modelli Alfa Romeo ad essere realizzato artigianalmente. L’auto venne prodotta in soli 36 esemplari, ognuno dotato di un differente allestimento, secondo il gusto e le esigenze dei vari committenti.

L’Alfa Romeo 6C 2500, fu l’ultima vettura della serie realizzata prima della seconda guerra mondiale e venne ripresa nel primo dopoguerra, fino al 1950, con circa 2.800 esemplari prodotti. Di questi, 680 furono costruiti nella versione Freccia d’Oro, cioè la berlina da 5 posti dotata di un propulsore da 90 CV abbinato ad un cambio manuale a quattro marce, che garantiva una velocità di 155 km/h. La 2500 fu l’ultima versione della serie 6C e fu ritirata dal mercato, sostituita dall’Alfa Romeo 1900.

Della serie 6C  vi furono anche versioni speciali, come la 6C 2500 SS (Super Sport), disegnata da Bertone, che vinse la Coppa d’oro al concorso d’eleganza Villa d’Este nel 2011, e la sua erede Alfa Romeo 6C 2500 SS ‘Villa d’Este’.

La 2500 fu anche portata in gara nella versione Competizione. Progettata a partire dal 1946, la vettura era più piccola rispetto ad una SS, aveva una nuova configurazione degli ammortizzatori e sprigionava 145 CV di potenza, per una velocità di oltre 200 Km./h.  Vinse sul Circuito di Pescara nel 1949, pilotata da Franco Rol, arrivò terza alla Mille Miglia del 1949 e del 1950 e si aggiudicò  la Targa Florio del 1950.

L’appuntamento con la sesta edizione del Villa d’Este Style è già fissato per sabato 22 aprile 2017 a Cernobbio, nella sua sede naturale.

Enzo Mauri

Print Friendly, PDF & Email