News

Inflazione alta, quanto conviene puntare sulle azioni


L’anno 2022 è iniziato con una notevole accelerazione dell’inflazione, un fattore che può avere un impatto significativo sugli investimenti. In questo contesto, ci si chiede se sia meglio investire in azioni o obbligazioni per preservare il proprio patrimonio.
L’inflazione è un aumento del livello generale dei prezzi dei beni e dei servizi, e può essere causata da vari fattori, come l’aumento dei costi delle materie prime, la diminuzione dell’offerta di prodotti o l’aumento della domanda. Questo fenomeno può avere un impatto significativo sugli investimenti, in quanto l’aumento dei prezzi può influenzare la redditività delle imprese e la performance dei titoli azionari e obbligazionari.

Come investire quando l’inflazione è alta

In un contesto di inflazione alta, le azioni possono essere una scelta migliore rispetto ad altre soluzioni; questo perché le azioni sono generalmente considerate uno strumento di investimento a lungo termine, in grado di sopportare i cicli economici e di offrire un rendimento potenzialmente migliore.
Inoltre, le aziende che vendono beni e servizi di base possono avere maggiori opportunità di redditività in un contesto di inflazione alta, poiché i prezzi dei loro prodotti aumentano, aumentando di conseguenza anche i loro profitti.
D’altro canto, le azioni sono generalmente considerate uno strumento di investimento meno e più volatile rispetto ad altri, ad esempio le obbligazioni. Come afferma il portale informativo su investimenti in azioni, Investireinborsa.me, “
le azioni sono uno strumento di investimento che generalmente offre un rendimento superiore rispetto all’inflazione. Sebbene il valore delle azioni possa fluttuare nel breve termine, a lungo termine il mercato azionario tende a crescere più rapidamente dell’inflazione.

Altre soluzioni più sicure

Ci sono poi altre soluzioni di investimento ritenute più sicure, ad esempio investire in beni fisici: l’investimento in asset concreti come l’oro, l’argento e altre materie prime può essere una buona opzione quando l’inflazione è alta. Questi beni hanno un valore intrinseco che non è influenzato dalle fluttuazioni della valuta, e di solito mantengono il proprio valore quando l’inflazione è elevata.
Per chi è esperto di finanza si parla dei cosiddetti beni rifugio,
quegli asset finanziari o fisici che, in periodi di incertezza economica, sono considerati sicuri e stabili per gli investitori. Solitamente, questi beni hanno un valore intrinseco e non sono fortemente influenzati dalle fluttuazioni del mercato finanziario. L’oro è il bene rifugio per eccellenza, con un valore intrinseco elevato, un metallo prezioso che non può essere prodotto in grandi quantità e che per questo motivo è spesso utilizzato come protezione contro l’inflazione e le fluttuazioni delle valute.

Print Friendly, PDF & Email