Benessere e Salute

Donne e salute mentale, visite gratuite dal 10 al 13 ottobre

Studio Associato MSC - Treviso

Giornata Mondiale della Salute MentaleA partire dal 10 ottobre, giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale della Salute Mentale, fino al 13 ottobre screening gratuiti dell’ASST di Monza negli ospedali di Monza e Desio che aderiscono alla terza edizione dell’iniziativa “H-open day”, dedicata alle donne che soffrono di disturbi psichici, neurologici e del comportamento. L’obiettivo è quello di avvicinare le signore alle cure e superare i tabù che ancora aleggiano sulle patologie psichiche che rappresentano uno dei principali problemi di salute pubblica.

La ASST di Monza apre le sue porte per l’iniziativa promossa da Onda, l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna, con il patrocinio della Società Italiana di Psichiatria e della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia.

Dal 10 al 13 ottobre, all’ospedale San Gerardo e all’ospedale di Desio, sarà possibile avere consulenze psichiatriche, compilare test di screening e sottoporsi a visite ed esami gratuiti nonché ricevere materiale informativo su ansia, depressione, disturbo bipolare, psicosi, problemi di sonno.

“Queste giornatesottolinea il Direttore generale della ASST di Monza Matteo Stocco rappresentano un momento significativo di prevenzione e di cura. Estendiamo la disponibilità dei nostri professionisti anche ai genitori, attraverso sportelli di ascolto, informando le famiglie sui disturbi del comportamento alimentare in infanzia e adolescenza per prevenire situazioni di disagio”.

“L’H-Open Day 2016 sulla salute mentalespiega Francesca Merzagora, Presidente di Ondaè un’iniziativa già collaudata da anni, in cui oltre 140 ospedali prevalentemente del network Bollini Rosa, mettono a disposizione della popolazione servizi per consentire alle donne e ai familiari delle pazienti di poter esprimere il loro disagio in un contesto dedicato. Un progetto di sensibilizzazione per accorciare i tempi nella diagnosi e avvicinare alle cure dei disturbi psichici femminili più frequenti, come ad esempio la depressione che costituirà entro il 2030, secondo l’O.M.S. la malattia cronica più diffusa. Un’iniziativa accolta favorevolmente dalle donne e dai loro familiari che potranno usufruire di visite psichiatriche, colloqui psicologici, sportelli di ascolto e ricevere materiale informativo. Per il terzo anno consecutivo, un gruppo di aziende impegnate anche sul fronte della salute mentale si uniscono a sostegno di questa iniziativa dando prova di grande sensibilità e di credere nell’importanza di fare rete”.

Print Friendly, PDF & Email