Fuori Brianza Itinerari

Dolorama, giro panoramico nelle Dolomiti

Studio Associato MSC - Treviso

Il blu-violetto del cielo all’alba, il biancore delle rocce calcaree quando si fa giorno, il verde chiaro dei prati inondati dal sole, lo scuro dei boschi, le nubi bianche che si rincorrono sulle vette, il cielo azzurro. E poi le rocce che volgono verso il rosa al crepuscolo: le Dolomiti, si sa, sono capaci di offrire uno straordinario show di colori ‘naturali’. Ma oggi è ancora più facile godere di tale spettacolo in Valle Isarco, Alto Adige. Alto Adige Dolomiti Val d'Isarco Odle

Viene aperto ufficialmente questa estate il nuovo sentiero ‘Dolorama’ (da Dolomiti + panorama). In 4 tappe dall’Alpe di Rodengo/Luson, all’incrocio fra Val Pusteria e Valle Isarco, il percorso è una sorta di balconata naturale continua lunga decine di chilometri. Si snoda attorno alla Plose, la montagna di Bressanone, e poi lungo la Val di Funes fino a Laion, all’ingresso della Val Gardena: protagoniste assolute, le meravigliose guglie delle Dolomiti, in particolare delle Odle Patrimonio mondiale dell’Unesco!
Il nuovo percorso panoramico è lungo 61 chilometri e corre quasi interamente su strade forestali e sentieri con una segnaletica uniforme e dedicata (oltre a quella consueta ufficiale), con un solo attraversamento di una strada asfaltata.

Il dislivello totale in salita è di 2356 metri, in discesa di 3004 metri, per un tempo di percorrenza complessivo di 19 ore circa (l’intero percorso può comunque essere affrontato in tratti separati, infatti si può accedere o scendere da punti intermedi). Inoltre i punti di partenza e arrivo sono facilmente raggiungibili con mezzi pubblici. Lungo il sentiero s’incontrano invitanti punti di sosta panoramici, come ad esempio il sito dell’insediamento preistorico Astmoos sull’Alpe di Luson o quello di fronte alle stratificazioni geologiche al passo delle Erbe, che costituiscono una sorta di libro aperto sulla storia della terra. E ovviamente, nei punti strategici, ci sono baite panoramiche con ristorazione tipica (e anche gourmet) di alta qualità ed autenticità.

Sono in totale 22 i rifugi lungo l’itinerario o nelle prossimità; in 12 di questi è anche possibile pernottare (preferibilmente previa prenotazione).

Prendendo come base il parcheggio in località Zumis, sopra Rodengo, l’itinerario inizia dolcemente sul sentiero n. 4 tra i paesaggi d’altura, in un mare di fiori variopinti sull’Alpe di Rodengo/Luson. Panorama mozzafiato da due lati, a nord verso le Alpi di confine e i monti di Fundres, a sud le Dolomiti, fra cui spicca il Sass Putia, potendo osservare anche i laghetti alpini Glittner verso la fine della tappa.

Nella seconda tappa ci si avvicina poi alle rocce ardite delle Odle di Eores e di Funes, che sembrano tanto vicine da poterle quasi toccare con mano. Ma sulla sinistra, oltre la Val Badia, dopo aver attraversato i 2100 metri del giogo Göma, appaiono le vette del Sasso di Santa Croce. Poi si tocca il Passo delle Erbe e si percorre il sentiero “Giro Sasso Putia”, girando attorno a questa imponente formazione rocciosa, fino al Rifugio Genova.

Nella terza tappa, attraverso estese foreste, si arriva alla Brogles Hütte. E dopo tanta roccia ci si rituffa nel verde, leggermente in pendenza verso sud, tra prati e pascoli di Rasciesa, fino al Rifugio Rasciesa. Sulla Rasciesa, grandioso affaccio su Sassolungo, Sasso Piatto e Sciliar.

Da qui, con la quarta tappa, si continua su ampi prati e alpeggi scendendo fino a Laion a sud di Chiusa all’entrata della Val Gardena in 3 ore di discesa.
In breve (http://www.valleisarco.info/sentiero-dolorama):
» Punto di partenza: parcheggio Zumis, Rodengo
» Punto finale: Laion paese
» Percorso: 61 km | Salita: 2.356 m | Discesa: 3.004 m
» Tempo di percorrenza: 19 ore, 15 min

Le tappe del sentiero:
1a tappa: Rodengo-Rifugio Monte Muro (6:30 h)
2a tappa: Rifugio Monte Muro-Rifugio Genova (4:45 h)
3a tappa: Rifugio Genova-Rasciesa (5:00 h)
4a tappa: Rasciesa-Laion (3:00 h)

E a proposito di sentieri e percorsi:

Nella Valle Isarco, nota come la “valle dei percorsi”, le opportunità di escursioni sono talmente tante e variegate, che con la collaborazione di guide alpine ed esperti del territorio, sono stati individuati e ‘classificati’ accuratamente per tematiche e per tipologia di pubblico i percorsi più adatti a ciascuno. Dalle passeggiate per famiglie con bambini (perfino nel passeggino), fino alle ferrate più emozionanti, passando per sentieri a tema e percorsi di scoperta della vita vissuta e del lavoro fra masi e malghe. In questo modo la vacanza diventa ancora più piacevole, facile, ma soprattutto autentica. Basta consultare la pagina web, con ben 180 proposte di escursioni a piedi:

http://www.valleisarco.info/it/valle-dei-percorsi/consigli-sentieri/

Inoltre, sono stati individuati anche 33 sentieri circolari particolarmente significativi per scoprire highlights e bellezze del territorio, con punto di partenza coincidente con il punto di arrivo

http://www.valleisarco.info/it/valle-dei-percorsi/33-escursioni/

Una ragione in più per seguire i percorsi è quella di poter trovare tantissimi spunti per partecipare all’iniziativa “Cari saluti dalla Valle Isarco”. Sulla pagina web http://postcards.eisacktal.com ognuno può postare la propria “cartolina” con i saluti dalle vacanze, i ricordi, le impressioni e le esperienze vissute in Valle Isarco. La cartolina sarà poi stampata e dal 9 ottobre 2016 (inaugurazione alle ore 11, ingresso libero) al 31 ottobre 2016 verrà esposta in una mostra allestita all’interno dell’imponente Forte di Fortezza.

INFORMAZIONI SULL’AREA:

Valle Isarco Marketing

Bastioni Maggiori, 26a – 39042 Bressanone (BZ)

Tel. 0472 802 232;

info@valleisarco.com; www.valleisarco.com

Print Friendly, PDF & Email