Benessere e Salute News

A Monza si dibatte sul cibo del futuro

Studio Associato MSC - Treviso

Il Centro Analisi Monza, in tema Expo, propone per sabato 16 maggio, presso il proprio auditorium, un interessante convegno su come nutrire in modo sostenibile ed etico un mondo sempre più popolato.

Cam Monza

Dove trovare le risorse alimentari per sfamare adeguatamente gli abitanti del pianeta? Come superare le contraddizioni e l’ingiustizia tra una parte del pianeta in cui i bambini devono combattere l’obesità e un’altra in cui devono affrontare drammaticamente la sottonutrizione e la malnutrizione? Come inciderà quantitativamente e qualitativamente il cibo del futuro sulla salute globale della popolazione? Nutrire il pianeta è indispensabile, ma è ugualmente importante farlo in modo etico per preservare ma anche migliorare la salute dei suoi abitanti.

Da tempo è noto il rapporto tra cibo e medicina e tra alimentazione e salute. Una riflessione su questi temi, nell’ambito del più ampio confronto aperto ad Expo 2015, è proprio lo scopo di questo evento, che vedrà come moderatori Andrea Stella dell’ Università di Milano Bicocca e Luigi Losa, giornalista ed ex direttore del bisettimanale monzese Il Cittadino.

Alle ore 9.15 è previsto il primo intervento su ‘Il futuro del cibo tra abitudini gastronomiche, sostenibilità alimentare e salute globale’ da parte di Vittorio A. Sironi, Direttore del Centro Studi sulla storia del pensiero biomedico della Università di Milano Bicocca. Seguiranno, nell’ordine, Gabriella Marini, dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, con ‘Il gusto di domani: potranno cambiare le preferenze alimentari nel breve termine?; Maurizio G. Paoletti, dell’Università di Padova, con ‘Impiego sostenibile della biodiversità, conoscenza e disgusto: mangeremo insetti?’; Maurizio Casiraghi, della Università di Milano Bicocca, con ‘Organismi geneticamente modificati e alimentazione: opportunità o calamità?’; Sergio Bernasconi, della Università di Parma, con ‘Per un futuro in salute: essere in forma tra scuola e famiglia’; Paolo Massobrio, enogastronomo e giornalista, con ‘Expo 2015, nutrire il pianeta, energia per la vita: la ‘carta di Milano’ ed, infine, Marialuisa Lavitrano, dell’Università di Milano Bicocca, con ‘Expo 2015, nutrizione e salute oggi e domani: il cluster del riso’.

Alle ore 12.30 è prevista ‘La mensa di Star Trek: scienza e fantascienza in cucina’, degustazioni e pranzo guidato, a cura dell’Istituto Alberghiero Ballerini ed Associazione Cuochi Brianza di Seregno.

Sempre sabato 16 maggio, ma nell’ambito del ‘Festival degli Orti’ presso il Giardino delle Serre della Villa Reale di Monza, si terrà, invece, con inizio alle ore 16, nel Teatrino della Villa Reale, Green Speech,  un confronto tra esperti internazionali, sul tema dell’agricoltura in città e l’impatto sull’alimentazione e il benessere, su produttività e filiere corte, alimentazione consapevole e sostenibile. Per il CAM interverrà il Professor Sergio Bernasconi.

Nel pomeriggio, allo stesso orario, con replica il giorno seguente, spazio ai bimbi con ‘Facciamo merenda! Con CAMMino’, laboratorio per maghetti alla scoperta della buona merenda. Si tratta di un piccolo evento di cucina ed educazione alimentare per una trentina di bambini dai 4 ai 10 anni. La partecipazione è gratuita, ma è necessario confermare la propria presenza alla Segreteria Organizzativa (Signora Casati – Tel.: 039-2397.450, indirizzo e-mail: segreteriaorganizzativa@cam-monza.com).

CAMMino è il protagonista del Progetto FitFoodness CamKids Expo 2015, creato da una equipe di specialisti CAM per bambini da 6 a 9 anni. Trecento studenti di scuole primarie monzesi sono stati coinvolti, nell’anno di Expo, in un percorso di sei mesi, alla scoperta della corretta alimentazione e del sano movimento, con attività didattiche nelle classi, laboratori esperienziali,  lezioni di attività motoria e giochi a squadre. Con questo progetto , il CAM conferma il suo impegno nella educazione ai corretti stili di vita.

La partecipazione al convegno ‘Il cibo del futuro’ è gratuita ed aperta, oltre che agli operatori sanitari, anche al pubblico. E’ però necessaria la prenotazione presso la segreteria organizzativa (CAM Centro Analisi Monza S.p.A. – Signora Casati – Tel.: 039-2397.450, indirizzo e-mail: segreteriaorganizzativa@cam-monza.com).

Il CAM è una struttura sanitaria privata autorizzata e, per i servizi di laboratorio, è accreditata e a contratto con il S.S.N.. Fondata nel 1970, oggi è una squadra di oltre 200 dipendenti e circa 400 tra medici specialisti ed altri operatori sanitari, che lavora quotidianamente al servizio della salute dei propri utenti, pazienti, soggetti sani interessati alla prevenzione, aziende, assicurazioni, medici e laboratori. Il sistema di servizi sanitari offerti integra tra loro le competenze e le risorse delle diverse unità operative. Tutti i servizi sono erogati in un’unica struttura, la moderna sede di viale Elvezia, angolo via Martiri delle Foibe, a Monza.

Enzo Mauri

Print Friendly, PDF & Email