Musica, Concerti, Spettacoli News

A Monza rivive il mito di Virna Lisi nell’ultimo suo film

Studio Associato MSC - Treviso

unnamedGrande appuntamento, martedì 17 marzo, alle ore 20, al cinema Multisala  ‘Capitol Spazio Cinema’ di via Pennati a Monza, per l’anteprima nazionale del film ‘Latin Lover’, l’ultimo interpretato dall’attrice Virna Lisi, prima della morte avvenuta a Roma il 18 dicembre scorso. L’evento, al quale parteciperà di persona la regista Cristina Comenici ed il cast, con gli attori Nadeah Miranda e Francesco Scianna che, al termine della proiezione si esibiranno in un duetto sulle note della canzone ‘Quando, quando, quando’ di Tony Renis, sarà trasmesso in diretta satellitare da Anteo SpazioCinema. Sarà presente in sala anche il critico cinematografico Gianni Canova,  che, prima dell’inizio della rappresentazione, intratterrà la regista ed alcuni degli interpreti.

La trama del film si rifà ad un certo Saverio Crispo, grande attore del cinema italiano, morto dieci anni fa ed alle sue quattro figlie, avute da mogli diverse in località tutte differenti nel mondo, radunate nella grande casa del piccolo paese pugliese che aveva dato i natali al protagonista. Nessuna delle quattro donne, di nazionalità italiana, francese, spagnola e svedese, con storie personali alle spalle a dir poco rocambolesche, ha veramente conosciuto il papà, come, del resto, neppure le ex mogli. Quando, dopo mitizzazioni del genitore e dichiarazioni d’amore incondizionato, si aspetta in famiglia la quinta figlia, un’americana riconosciuta tale con la prova del DNA, improvvisamente si presenta in famiglia tale Pedro del Rio, uno stunt  che dichiara di conoscere Saverio Crispo meglio di chiunque altro. Tra incredulità, strane rivelazioni nutturne e rivalità a non finire, le donne di casa finiscono per affrontarsi in un crescendo di uscite emozionanti e di situazioni tragicomiche, fino ad una spassosa conclusione a sorpresa.

‘Latin Lover’ ci offrirà, in pellicola, l’ultima Virna Lisi, la signora Virna Pieralisi, anagraficamente parlando, nata ad Ancona l’ 8 novembre 1936, sposata con Franco Pesci e con un solo figlio, Corrado, spentasi  tranquillamente nel sonno, nella sua casa romana, all’età di 78 anni, dopo una malattia incurabile, una settimana esatta prima di Natale.

unnamed (1)Di lei, immensa attrice, dalla bellezza splendente ed elegante, solare anche se spesso algida, aristocratica ma amorevole, sexy e mai volgare, ci restano le tante testimonianze, dai sei Nastri d’argento ed un Prix d’Interprètation Féminine, per la ‘Regina Margot’, ai due David di Donatello per le sue varie interpretazioni ed altrettanti alla carriera. Dal capolavoro cinematografico ‘Orgoglio e pregiudizio’ del 1957, sino agli ultimi impegni  televisivi, come ‘Baciamo le mani’ ed altre fiction, aveva sempre dato tutto ed il pubblico la considerava e l’amava smisuratamente.

Molti, ancora, preferiscono ricordarla nel film ‘Come uccidere vostra moglie’ con Jack Lemmon nel 1964, in ‘Due assi nella manica’ con Tony Curtis, o in ‘U 112 – assalto al Queen Mary’ con Frank Sinatra, ma noi, molto più semplicemente, l’avremo sempre presente, come la signora Adriana Balestra che fece invaghire il giovane ed impacciato  Gianni, nel film commedia  del 1982 ‘Sapore di mare’ del regista Carlo Vanzina, con Jerry Calà, Christian De Sica, Isabella Ferrari, Marina Suma e la giovanissima Giorgia Fiorio, figlia dell’ex direttore sportivo della Ferrari e della Lancia, ora commentatore televisivo, Cesare Fiorio. La pellicola, girata in Versilia, sulla spiaggia di Forte dei Marmi ed ambientata nel 1964, in pieno delirio anni Sessanta, valse a Virna Lisi un Nastro d’argento ed un David di Donatello, nel 1983, come miglior attrice non protagonista dell’anno ed incassò, ai botteghini, la straordinaria cifra di dieci miliardi delle vecchie lire.

Molti i registi che hanno avuto il piacere e l’onore di lavorare con lei. Tra i tanti, ricordiamo Dino Risi, Mario Monicelli, Franco Brusati, Mauro Bolognini, Alberto Lattuada e Pietro Germi che la diresse nel conosciutissimo ed apprezzatissimo film ‘Signore e Signori’.

Print Friendly, PDF & Email