Sport

Tamara Lunger racconta i suoi 8000 da DF Sport Specialist

DF Sport Specialist Tamara Lunger 1L’appuntamento “A tu per tu con i grandi dello sport” di DF Sport Specialist ( a Bevera di Sirtori Lc via delle Industrie 17 provinciale Villasanta -Oggiono) riserva sempre, incontri speciali: il 27 luglio, dalle ore 20.30 circa, è la volta di Tamara Lunger, famosa alpinista altoatesina, con una serata dal titolo “Il fascino del freddo”.

Nata a Bolzano nel 1986, figlia di un noto scialpinista italiano, Tamara è cresciuta tra le montagne ed è da lì che è nata la sua passione che sta influenzando e caratterizzando la sua vita.

Che cosa spinge una donna a buttarsi d’inverno, nel freddo, per mesi a quote proibitive? Lo scopriremo nel corso della serata, una delle tante volute dall’appasionato padrone di casa Sergio Longoni.

La giovane alpinista ha compiuto ciò che mai nessuna donna è stata in grado di fare: è riuscita a superare il “marchio 8000” alla prima salita in invernale sul Nanga Parbàt, ma è stata costretta a rinunciare poco sotto la cima. Sin dal suo inizio nell’alpinismo d’alta quota, nel 2009, Tamara ha vissuto e superato momenti più o meno difficili: molto di ciò che all’inizio era sconosciuto e le faceva paura, dopo le esperienze trascorse si trasformava in un punto di forza.

Nulla potrebbe scoraggiare la giovane alpinista dal raggiungere i suoi sogni e desideri. Tamara non è una che molla volentieri! Fin piccola, Tamara ha praticato diversi sport, anche l’atletica leggera (due volte vice-campionessa italiana nel lancio del disco), ma la sua vera passione, la montagna, è rimasta negli anni invariata. Già all’età di 14 anni aveva il sogno di scalare un ottomila; nel 2009, con la sua prima esperienza alpinistica in Nepal, ha realizzato il sogno. Da allora, il futuro di Tamara è stato chiaro: “questa è la vita che voglio, niente di diverso”.

DF Sport Specialist Tamara LungerNel 2008 a soli 23 anni, dopo il suo titolo mondiale di sci alpinismo, si è posta l’obiettivo di salire un 8000: traguardo raggiunto, nel 2010, come donna più giovane ad aver salito il Lhotse.

Nel 2014 ha scalato senza ossigeno la seconda montagna più alta del mondo, il K2 con i suoi 8611 metri: in questa occasione è stata la seconda donna italiana nella storia dell’alpinismo. Questo è stato il punto decisivo della carriera alpinistica di Tamara: il suo mentore, Simone Moro, ha creduto in lei e la coinvolta in una spedizione invernale oltre 8000 metri.

Il piano ha previsto la traversata del Manaslu (8163 m) e dell’East Pinacle. Nevicate estreme hanno impedito la salita, ma il sogno di conquistare un 8000 in inverno è rimasto presente: nel 2016 Tamara e Simone sono ripartiti per il Pakistan, dove hanno provato la prima salita invernale del Nanga Parbàt, 8126 metri.

http://www.df-sportspecialist.it/1282-tamara-lunger-il-fascino-del-freddo/

Print Friendly, PDF & Email
Ti piace?