Approfondimenti News

Negli scacchi la metafora della vita: serve sempre una buona mossa

mercedes

Parlare del gioco degli scacchi in un società votata ormai al “mordi e fuggi”, alla scarsa attenzione e concentrazione, al “tutto subito”, al successo a scapito di ogni regola, appare anacronistico. Eppure non siamo fuori tempo, anzi proprio questa nostra era di oblìo culturale e di pochezza educativa impone una sana e costruttiva riflessione per poter “rifondare” modelli che negli ultimi decenni sono totalmente saltati, generando evidenti scompensi nelle giovani generazioni, figlie di una certa mancanza di regole e di esempi a cui rifarsi. Così gli scacchi, disciplina certamente ancorata a norme e comportamenti precisi e inderogabili, diventano pretesto per rilanciare la necessità di giuste “mosse” per crescere nella vita, per confrontarsi rispettosamente, per osservare l’altro e capirne le intenzioni, con empatia e soprattutto con la necessaria stima e correttezza. Nella pratica degli scacchi entrano in gioco anche elementi della personalità del giocatore, quali il carattere, la volontà e l’attenzione, che possono determinare il successo o la sconfitta. Negli scacchi, insomma, troviamo parte della metafora della vita, con le varie difficoltà che devono essere superate, con calma, ragionamento, senza farsi prendere dall’ansia e dalla frenesia, senza pensare di essere invincibili e senza dare nulla per scontato. Ogni disattenzione può essere punita, ogni errore può costare caro, tanto da metterci sotto scacco. Insomma, ci serve sempre una buona mossa.

In un convegno a Erba strategie e tattiche degli scacchi per crescere nella vita

La presentazione della due giorni scacchistica presso il Comune di Erba

La Città di Erba, in provincia di Como, la prossima settimana sarà fulcro di due appuntamenti dedicati agli scacchi, patrocinati da Regione Lombardia e Comune: il convegno “Una buona mossa. Strategie e tattiche degli scacchi per crescere nella vita”, che si terrà mercoledì 11 aprile alle ore 17.30 presso la sede erbese dell’Istituto San Vincenzo in via Garibaldi 54, e la Finale Regionale dei Campionati Studenteschi di Scacchi anno scolastico 2017-2018 per le Scuole Primarie, Secondarie di Primo e Secondo grado, organizzata da FSI Federazione Scacchistica Italiana, CRL Comitato Regionale Lombardo e MIUR Ufficio Scolastico per la Lombardia in collaborazione con ASD Gruppo Sportivo Istituto San Vincenzo e ASD Scacchistica Cerianese di Ceriano Laghetto (Mb) in programma giovedì 12 aprile presso l’ente fieristico LarioFiere (via Resegone).

Due eventi che metteranno sotto i riflettori lo sport degli scacchi, considerato a livello formativo un ottimo strumento utile al miglioramento dell’aspetto cognitivo, educativo e relazionale. Gli scacchi creano infatti un modo di pensare, costringono a misurarsi con le proprie decisioni e ad accettarne le conseguenze e, affrontando vittorie e sconfitte, fanno crescere. La pratica scacchistica, inoltre, aiuta a potenziare l’intuizione e le capacità gestionali in qualunque situazione, a rispettare le regole e gli altri, e a esercitare pazienza e correttezza. Argomenti questi che saranno al centro di “Una buona mossa. Strategie e tattiche degli scacchi per crescere nella vita”, il convegno aperto a tutti di mercoledì 11 aprile, presso l’Istituto San Vincenzo, che vuole essere un momento di confronto e riflessione sul ruolo formativo e pedagogico del gioco degli scacchi.

«Lo definiscono “lo sport della mente” proprio perché favorisce lo sviluppo di alcune abilità cognitive come la memoria, la concentrazione e l’attenzione, sviluppa l’intelligenza e migliora il rendimento scolastico», afferma Cristina Missaglia, insegnante alla Scuola Primaria paritaria dell’Istituto Cor Jesu di Milano. «Da anni ho constatato che il “Progetto scacchi a scuola” si è rivelato essere anche un’ottima attività trasversale per sviluppare perfino competenze di problem solving, pianificazione e strategia, oltre che di socializzazione».

«Giocare a scacchi favorisce l’apprendimento di nozioni tecniche nelle varie materie, ma anche lo sviluppo di personalità e sicurezza. Educa, forma la persona prima ancora del giocatore perché giocando si imparano valori, ci si mette in relazione con l’altro e si cresce», sostiene Giuseppe Lisimberti, Delegato provinciale Milano del CRL (Comitato Regionale Lombardo), nonché istruttore e Presidente A.S.D. Scuola Scacchi Cormano (Mi).

«Gli scacchi sono da considerarsi anche un valido strumento per cercare di combattere il bullismo, il disagio giovanile e la sempre più crescente dispersione scolastica», aggiunge Sara Pozzoli, Presidente di A.S.D. Gruppo Sportivo Istituto San Vincenzo, tra i promotori del convegno e di SportivaMente Insieme, il progetto nato dal Gruppo Sportivo Istituto San Vincenzo con il Patrocinio degli Assessorati allo Sport, all’Istruzione e alla Cultura del Comune di Erba e la collaborazione di Associazione delle Vie di Erba e numerose Associazioni, Istituzioni ed Enti del territorio con l’obiettivo di cercare di combattere le devianze scolastiche e l’abbandono precoce degli studi attraverso iniziative sportive, percorsi di crescita ed eventi aggregativi che favoriscano la formazione di cittadini responsabili con principi morali e accrescano nella comunità la cultura della condivisione. «Gli scacchi, come qualsiasi altra disciplina sportiva, sono il volano per innescare nuovi processi di sviluppo e difendere la coesione sociale. Promuovere lo sport significa quindi non solo sensibilizzare una scelta di vita sana ed equilibrata, ma anche favorire lo sviluppo di capacità comunicative, relazionali e sociali», precisa Pozzoli.

A Erba la Finale regionale dei Campionati Studenteschi di Scacchi 2018

Il convegno sarà seguito, giovedì 12 aprile dalle ore 8, dalla Finale Regionale dei Campionati Studenteschi di Scacchi anno scolastico 2017-2018 per le Scuole Primarie, Secondarie di Primo e Secondo grado, che vedrà sfidarsi più di 400 giovani appassionati di questa disciplina sportiva e contendersi la partecipazione alla finale nazionale a Montesilvano (Pe) dal 10 al 13 maggio.

Tra i qualificati anche tre squadre dell’Istituto San Vincenzo: la squadra femminile composta da Ciccarone Isabella, Menga Valentina, Ballabio Greta e Zagaglia Elisa, la squadra mista da Cazzaniga Enrico, Basilico Davide, Nava Sofia, Vergallo Giorgia, Sun Leen, Casati Davide e la squadra della Primaria da Petrini Alessandro, Castelnuovo Andrea, Rizzi Tommaso, Basilico Alice, Castelletti Joele e Vergallo Andrea.

Gli studenti dell’Istituto San Vincenzo qualificati per le finali dei Campionati regionali

Scacchi, è brianzolo il più giovane campione italiano assoluto

Luca Moroni, classe 2000, di Bovisio Masciago, è il giovane talento italiano degli scacchi. Frequenta con ottimi voti il liceo scientifico “Ettore Majorana” di Desio (Mb). Ha cominciato a giocare a scacchi a sei anni e si è formato presso A.S.D. Scacchistica Cerianese di Ceriano Laghetto, seguito nei primi tempi da Raffaele Milan e fino al 2011 dai fratelli Mattia e Daniele Lapiccirella. Da maggio 2011 a dicembre 2016 ha avuto come istruttore e Maestro Giulio Borgo.

Giocatore talentuoso, a 13 anni era Maestro Nazionale e a 16 Maestro Internazionale. Nel 2015 è arrivato secondo nel Campionato del Mondo Under 16, diventando così vice-campione del Mondo giovanile. Ha ottenuto il titolo di Grande Maestro, il massimo nel mondo scacchistico, grazie alle norme nelle finali di Milano del Campionato Italiano 2015 e alle Olimpiadi scacchistiche di Baku 2016, per poi ottenere il titolo al superamento della soglia di 2.500 punti Elo, avvenuto nell’agosto 2017 al XIX Open Internacional de Sants di Barcellona.

Il 13 dicembre 2015 ha giocato una Simultanea a Milano durata 6 ore e 20 minuti, durante la quale ha sfidato 120 giovani avversari: il bilancio è stato di 106 vittorie, 6 sconfitte e 5 pareggi.

Nel dicembre 2017 ha vinto il titolo di Campione Italiano Assoluto, diventando il più giovane ad aver vinto il titolo.

Il Gruppo Sportivo Istituto San Vincenzo, sport a tutti i livelli 

Il Gruppo Sportivo Istituto San Vincenzo è il gruppo sportivo dell’omonimo Istituto con sede a Erba che dal 2008 promuove lo sport come strumento di formazione, collaborazione, amicizia, integrazione ed esperienza. Tra gli sport proposti, sci, nuoto, gag – gambe addome glutei, giocomotricità, ginnastica artistica, karate, hip hop, circuit training, tennis e scacchi.

L’Istituto San Vincenzo crede fortemente nelle potenzialità di quest’ultima disciplina e, supportato anche dalle direttive europee del programma “Scacchi nelle scuole”, da anni propone gli scacchi ai ragazzi della Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado come attività formativa nel loro processo di apprendimento scolastico. Nell’ottobre 2017, con l’obiettivo di diffondere la pratica degli scacchi come strumento utile al miglioramento dell’aspetto cognitivo, educativo e relazionale, ha creato, con la preziosissima collaborazione tecnica di ASD Scacchistica Cerianese, la Scuola di Scacchi ISV aperta a tutti, giovani e adulti.

A.S.D. Gruppo Sportivo Istituto San Vincenzo, in collaborazione con numerose Associazioni, Istituzioni ed Enti del territorio, promuove SportivaMente Insieme, un progetto ambizioso che si propone di cercare di combattere le devianze scolastiche e l’abbandono precoce degli studi attraverso iniziative sportive, percorsi di crescita ed eventi aggregativi che favoriscano la formazione di cittadini responsabili con principi morali e accrescano nella comunità la cultura della condivisione.

Tel. 031.645742 – www.scuolasanvincenzo.it/grupposportivo –  Gruppo Sportivo ISV SportivaMente Insieme

(a cura di Carlo Gaeta)

Print Friendly, PDF & Email