Motori

Monza ENI Circuit, la stagione 2018 si apre con una figuraccia

VENUS_newClasseA

Anziché partire col botto si parte col …peto! Per il Monza Eni Circuit non poteva esserci che peggior modo per iniziare la stagione 2018, un’annata molto importante, tra l’altro, per il futuro del GP d’Italia di F1 sulla pista brianzola. Dopo il mancato inserimento nel calendario dell’autodromo monzese di una prova del WEC, il campionato iridato Endurance (i test dello scorso anno in Brianza avevano fatto sperare nella interessantissima novità) e del WTCR, il nuovo campionato mondiale per vetture turismo sorto dalla fusione del WTCC e del TCR, nonostante il successo di dodici mesi fa, è di oggi la notizia dell’annullamento della Targa 6H Monza, in programma nella giornata di sabato 10 marzo, preceduta da due giorni di test privati il giovedì ed il venerdì.

Monza ENI Circuit rettilineo partenza

Si trattava di una nuova gara Endurance per vetture GT, Turismo e Prototipi, che avrebbe dovuto organizzare la Driving Force Events, la società venuta alla ribalta con l’introduzione nel calendario internazionale della ‘Gulf 12 Hours Abu Dhabi’. La corsa, aperta a tutti i possessori della licenza nazionale di ogni Paese o di qualsiasi grado di licenza FIA, si doveva svolgere nella sola giornata di sabato, con una sessione di prove libere e due di qualificazione. Ebbene, niente! Tutto annullato, come si fosse trattato di uno scherzo.

La prima riflessione che viene a tutti spontanea è come una società esperta come la SIAS, affiancata da ACM e Automobile Club d’Italia, il massimo organo competente in campo automobilistico nazionale, abbia potuto decidere di far aprire la stagione del suo celebre circuito e concedere, addirittura, anche il nome del luogo ospitante per la titolazione ad una gara inedita, non valida per alcun campionato e proposta da un promoter, la Driving Force Events, non proprio conosciutissima nel ‘giro’ dei grandi eventi delle quattro ruote, Abu Dhabi a parte. Tant’è  che la stessa non è stata in grado di raccogliere le necessarie iscrizioni per garantire lo svolgimento. E forse ci scappa anche qualche penale.

Una volta, quando l’attività agonistica in Brianza era sempre al top, si iniziava a fine marzo con la mitica ‘4 Ore di Monza’, valida per il campionato europeo Turismo e si proseguiva, subito dopo, il 25 aprile con la classica ‘1000 Km di Monza’, prova del campionato mondiale Marche. Ora, per l’inaugurazione della stagione, si è passati sì dalle 4 alle 6 ore, per poi annullare clamorosamente tutto.

La cosa avviene in un momento delicato per i dirigenti dell’impianto monzesi, entrati nell’occhio del ciclone, anche per aver dichiarato battaglia a buona parte dei giornalisti del settore, abolendo, dopo più di quarant’anni, il tesserino permanente annuale personalizzato ed obbligandoli a fastidiose richieste d’accredito ad ogni gara della stagione, con procedure macchinose, richiedenti uno spreco di tempo sia per la compilazione e per il recupero dei pass, una volta concessi. Tema sul quale siamo intervenuti in modo chiaro (vedi articolo: http://www.brianzapiu.it/tutto-pass-e-se-ne-va-ma-billot-va-sempre-di-moda/)

Decisione quanto meno discutibile, se si pensa che tutte le società sportive, dal Milan in serie A al Monza in serie C di calcio, al volley, al basket e, persino, all’hockey pista, a qualsiasi livello, riconoscono, per praticità, ai giornalisti impegnati costantemente nell’attività di report, una tessera annuale, di facile e pratico utilizzo.

Forse, oltre al pubblico, a parte i due eventi clou (negli ultimi anni, neppure le gare ad ingresso gratuito, cosa mai successa fino agli anni Duemila, sono riuscite a mettere qualche migliaio di spettatori intorno al percorso), si vuole allontanare anche la stampa, per puntare tutto sulla televisione, ma, ahimè, solo forzatamente in occasione del GP d’Italia di F1 e del Monster Energy Monza Rally Show. Per il resto, quasi deserto!

Targa 6H Monza

‘’Pur avendo registrato un incoraggiante livello di interesse tra team e piloti – dichiara il promoter Driving Force Events, organizzatore della mancata Targa 6H Monzail numero di iscrizioni confermate a due settimane dall’evento non è tale da assicurare il livello qualitativo della gara in linea con i nostri standard e con quelli dell’Autodromo. Ci vediamo quindi costretti a cancellare la data del 10 marzo e fare una pausa di riflessione per analizzare questa esperienza prima di riproporre l’evento con un diverso formato. Riteniamo che una gara di durata non si dovrebbe svolgere senza un minimo di 20 vetture sulla griglia di partenza, un numero che con ogni probabilità non avremmo raggiunto in questa data. Ringraziamo l’Autodromo, l’organizzatore di prove libere Kateyama, che si è adoperato per sincronizzare il proprio calendario con il nostro, tutti i team interessati all’evento e gli appassionati che avevano accolto l’iniziativa con entusiasmo. Quando si sperimenta un formato nuovo, bisogna accettare la possibilità di non centrare l’obiettivo e di dover rivedere la propria strategia’’.

Preferiamo non commentare…..

Dovrebbero essere, invece, confermati i test organizzati da Kateyama per le vetture GT, Turismo e Prototipi di giovedì 8 e venerdì 9 marzo. Le due giornate di test privati sono aperte al pubblico con ingresso e parcheggio gratuito in Autodromo. Viene pertanto annullata solo l’attività racing di sabato 10 marzo.

Il primo evento a calendario del circuito monzese sarà, dunque, la rievocazione storica della Coppa Milano-Sanremo, giovedì 22 marzo, seguito dal weekend targato Blancpain GT Series dal 20 al 22 aprile, che vedrà in pista oltre alle GT del campionato anche le vetture del Lamborghini Super Trofeo, del Blancpain GT Sports Club e le monoposto della Formula Renault Eurocup.

A 112 anni dalla sua prima edizione ed a 7 dall’ultima rievocazione storica, la leggendaria Coppa Milano-Sanremo, la cui prima edizione si corse nel lontano 1906, torna, infatti, il 22 marzo a Monza. Dopo il ritrovo degli equipaggi presso l’Autodromo ed un passaggio nel centro città, le auto partiranno  alla volta di Milano, dove è previsto un vero e proprio “defilè” nel cuore del Quadrilatero della moda, da via Montenapoleone a Corso Vittorio Emanuele, per poi arrivare al Castello Sforzesco, dove i partecipanti verranno ufficialmente presentati al pubblico.

Il classico Blancpain GT Series Endurance Cup, secondo round della stagione dopo l’esordio a Zolder in Belgio dell’8 aprile è il noto campionato riservato alle vetture Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Jaguar, Ferrari, Lamborghini, McLaren, Mercedes, Nissan e Porsche, distribuito su 10 prove in Europa, due delle quali in Italia (dopo Monza, il 22 aprile, la carovana si trasferirà anche a Misano, il 24 giugno, per il 6° appuntamento).

Enzo Mauri

Print Friendly, PDF & Email