Il Vero Volley Monza firma il pass per l'Europa - BrianzaPiù | Il Bello e il Buono della Brianza e del Lario Il Vero Volley Monza firma il pass per l'Europa - BrianzaPiù | Il Bello e il Buono della Brianza e del Lario
Sport

Il Vero Volley Monza firma il pass per l’Europa

VENUS_newClasseA

Il Consorzio Vero Volley Monza vince a Padova la Finale dei Play-Off Challenge UnipolSai al tie-break, facendo sua una gara tiratissima, la terza con più ace nella storia della pallavolo maschile italiana, ed il prossimo anno approderà in Europa.  I monzesi della pallavolo avranno così due squadre, una maschile, il Gi Group Team, ed una femminile, il Saugella Team, nelle manifestazioni continentali.

Grande gioia per i ragazzi del Gi Group Team che approdano per la prima volta in Europa

Padova porta bene alla Gi Group Monza. Dopo aver ottenuto la prima storica vittoria in SuperLega nella stagione 2014/2015, la compagine brianzola ha replicato domenica, ottenendo il successo che vale la prima qualificazione ad una coppa europea della sua storia. Grazie al 3-2 inflitto a Kioene Padova, davanti al pubblico della Kioene Arena, stimato in circa 1500 presenze, la prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley si è aggiudicata la finale dei Play-Off Challenge UnipolSai ed il quinto posto della SuperLega maschile, conquistando così il pass per la prossima Challenge Cup. Con questo importante traguardo, il Vero Volley ha aggiunto, senza dubbio, un’altra pagina significativa al libro della sua avvincente storia.

La gara di domenica entra di diritto nella top ten dei match con più ace (27 battute vincenti, delle quali 15 messe a segno dai monzesi), piazzandosi al terzo posto nel guinness dei primati del Campionato Italiano. Per la curiosità, il record assoluto resta di 31 battute vincenti, segnate tra Modena e Parma in un match dei Play Off nell’aprile del 2000.

Nella notte magica di Padova, il trascinatore vero della formazione brianzola è stato Donovan Dzavoronok, miglior giocatore in campo con 24 punti, 5 ace e 3 muri. Decisivi, però, anche i lampi di Plotnytskyi (18 punti, 4 ace), gli ace di Shoji e le accelerazioni di Barone e Botto, entrati in corsa, ma determinanti in un tie-break infuocato.

Monzesi molto ispirati nel secondo e terzo set, padovani più convinti nel primo, con Gozzo, Cirovic e Premovic ad andare a segno sia in attacco che al servizio (10 ace in tre) e più lucidi nel quarto, risolto al fotofinish. Alla fine, però, la squadra di Falasca è risultata più motivata nel tie-break, chiuso con un filotto di cinque punti.

’E’ stata una vittoria bellissima – ha raccontato Miguel Àngel Falasca, allenatore Gi Group Monza – . Non era semplice aggiudicarsi la finale a Padova, ma noi abbiamo lavorato sodo per raggiungere questo importante obiettivo. Quando si vince si è sempre felici. E’ un risultato fantastico per noi, per questa grande famiglia del Vero Volley Monza, davvero ineguagliabile. Noi, come squadra, siamo cresciuti molto, soprattutto nella seconda parte di stagione. Questo è, infatti, un gruppo giovane che ha avuto bisogno di maturare cammin facendo. Alla fine è riuscito a dimostrare i miglioramenti percepiti di gara in gara, disputando una finale superba. Godiamoci questo meritatissimo momento, che è indescrivibile”.

‘’Contro Padova è sempre stata dura – ha aggiunto Iacopo Botto, schiacciatore Gi Group Monza – , soprattutto negli ultimi tempi. Molto spesso siamo tornati a casa con delle sconfitte. Ora abbiamo trovato il modo di rifarci e siamo pronti per affrontare questa prestigiosa Challenge Cup. Per quanto mi riguarda personalmente, sono orgoglioso di aver dato una mano alla squadra in un momento non semplice. Abbiamo lavorato molto, tutti estremamente concentrati. Siamo riusciti, al termine, a fare nostra questa qualificazione e di questo siamo davvero orgogliosi”.

‘’E’ una gioia grandissima – ha sintetizzato, in conclusione, Thomas Beretta, centrale Gi Group Monza – , prima di tutto per l’importanza della vittoria e poi perché è stato il coronamento di un mese di immenso sacrificio. Siamo venuti fuori alla distanza, con carattere, in una gara abbastanza complessa. Il prossimo anno saremo in Europa e per questa società, che se l’è meritata, è una cosa fantastica, oserei dire unica”.

Enzo Mauri

Print Friendly, PDF & Email